Brocca “gioia-piena” maranatha lab

SKU: 2869

960,00

Brocca “Gioia-Piena” Maranatha Lab in ottone argentato cesellato e martellato con motivi floreali. Articolo di pregio e qualità made in Italy

Brocca “Gioia-Piena” Maranatha Lab (art.2869)

La brocca “Gioia-Piena” di Maranatha Lab è un accessorio liturgico realizzato in ottone cesellato.

La brocca per manutergio è il contenitore dell’acqua con il quale il sacerdote compie l’abluzione delle mani prima dell’inizio della liturgia per purificarsi; inoltre la lavanda delle mani è fondamentale per permettergli di toccare l’Eucarestia.

La brocca è un raffinato accessorio per la liturgia realizzata in stile classico in ottone argentato satinato. La  sua geometria è armonica e lineare con una base tornita. Il corpo della brocca è interamente martellato e cesellato con fregi decorativi florealiLa base è finemente modanata ed è anch’essa cesellata.

La brocca è completa di due piatti raffinati ed eleganti su cui poggiarla dopo averla utilizzata. Essi hanno una finitura martellata e vi sono cesellati decori floreali.

La brocca per manutergio è un arredo sacro personalizzato di alto artigianato liturgico prodotto in Italia da Maranatha Lab, laboratorio italiano di paramenti sacri e arredi liturgici in cui originalità, qualità delle materie prime ed eccellenza artigianale danno vita ad oggetti e confezioni sartoriali fatti a mano di altissima qualità.

Maranatha Lab è un laboratorio liturgico lucano,  frutto di un connubio fra patrimonio tradizionale delle tecniche artigianali e innovazione del design, nonchè luogo di sinergie e collaborazioni artistiche e creative.

Gli argenti sacri di Maranatha Lab hanno tutti la singolarità di essere identificati con nomi personalizzati.

Questo è un prodotto artigianale di pregio e qualità made in Italy.

Dimensioni:

  • altezza brocca cm 28
  • diametro piatto cm 29

Dettagli:

  • ottone satinato
  • argentato
  • stile classico
  • made in Italy

Reviews

There are no reviews yet.

Be the first to review “Brocca “gioia-piena” maranatha lab”